Un passato da non dimenticare: oggi ricorre l’anniversario dei Vespri Siciliani

Un passato da non dimenticare: oggi ricorre l’anniversario dei Vespri Siciliani

Oggi 30 marzo 2020 è una data molto importante per la Sicilia, poichè ricorre un anniversario significativo per tutti gli abitanti dell’isola, l’insurrezione dei Vespri Siciliani a Palermo.

I Vespri Siciliani possono essere considerati tra gli eventi salienti e indimenticabili per la storia della città di Palermo e dell’intera Sicilia. Un vissuto che può regalare lo spunto per risvegliare quell’animo battagliero e temerario insito dentro la moltitudine dei siciliani.

I fatti storici legati ai Vespri sono molto significativi. Nell’anno 1282 la Pasqua fu il 29 marzo e il 30 marzo, giorno successivo che coicideva con il Lunedi dell’Angelo, scoppiò una sommossa proprio durante l’ora dei vespri, ossia le preghiere del tramonto. Si trattò di una rivolta partita dal popolo di Palermo e, a poco a poco, trasformatasi in una vera e propria guerra in tutta l’isola. La ribellione avvenne contro il governo tirannico dei francesi Angioini, amministrati da Carlo I d’Angiò. La scintilla della rivoluzione scoppiò davanti alla Chiesa di Santo Spirito, nella città di Palermo. Da allora viene chiamata anche col nome di Chiesa dei Vespri. La pace di Caltabellotta nel 1302, sancì la fine della prima fase delle rivolte legate ai Vespri. Tutto ebbe termine definitivamente con il Trattato di Avignone nel 1372. La conseguenza fu la liberazione della Sicilia dai dominatori francesi Angioini che furono cacciati via. La corona venne data a Pietro III d’Aragona. Egli era il marito di Costanza di Svevia, nonchè figlia di Manfredi. Potevano essere rivendicati così i diritti dell’estinta dinastia sveva legata a Federico II.

Voglia di libertà in un territorio che era stato sempre assoggettato nel tempo da varie dominazioni. Gente di una terra, la Sicilia, ricca di cultura e di potenzialità, con la volontà di riscattare i propri diritti. Un passato che non va dimenticato quindi e che può essere un utile strumento atto a risvegliare nella memoria le qualità possedute.

Paola Caruso

Paola Caruso

nasce a Patti il 05/11/1987, vive e risiede a Sant’Angelo di Brolo, piccolo comune siciliano in provincia di Messina. Si diploma al Liceo Scientifico Lucio Piccolo di Capo d’Orlando (Me) e presso il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne (D.I.C.A.M) dell’Università degli Studi di Messina, consegue la laurea triennale in Lettere Moderne e poi conclude l’intero ciclo nel 2016 prendendo la laurea magistrale in Civiltà Letteraria dell’Italia Medievale e Umanistica, nello stesso ateneo. Nell’anno 2014 svolge il Servizio Civile Nazionale in qualità di accompagnatrice turistica presso il Museo degli Angeli di Sant’Angelo di Brolo (Me), curandone diverse mostre artistiche. Nel 2015 consegue il diploma di Lingua Internazionale Esperanto. Nel 2016 presso A.F.E.I.P. (Associazione Formazione e Inserimento Professionale) studia per diventare Guida Interpretativa Ambientale e organizza percorsi culturali e accoglienza a gruppi turistici. Dal 2014 inizia a cooperare come scrittrice freelance per diversi quotidiani online, quali Javan24.it , 98zero e altri portali. Dal 2017 ad oggi lavora come docente di lettere. Ha insegnato presso l’Istituto Professionale Paritario per l’Ospitalità Alberghiera San Michele, l’Istituto Tecnico Paritario Athena, entrambi di S.Agata di Militello (Me) e la scuola statale I.I.S.S. Alessandro Volta di Palermo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *